Domenica 19 marzo al Teatro delle Saline – piazza Billy Sechi, Cagliari – per la rassegna “Famiglie a Teatro” si tiene con lo spettacolo “Cipollino” del Teatro Libero di Palermo. La rassegna, suddivisa in A e B, prevede cinque spettacoli e si chiude ad aprile.

Il superstite. Da caos, dolore, disgrazie e disastri nasce sempre qualcosa di buono e comincia sempre un cammino di crescita. È quello che succede al nostro Cipollino, che superstite di un disastro ambientale che ha distrutto la sua piantagione di cipolle decide coraggiosamente di mettersi in cammino, oltre il fiume, nella speranza di trovare una terra più ricca dove poter fare fortuna e ritornare nella sua terra per aiutare la sua famiglia e il suo popolo. Durante il viaggio Cipollino s’imbatte in un giardino bellissimo con tanti fiori profumati, e qui incontra Violetta, una bambina della sua età sola e annoiata con una zia, Donna Orchidea, piuttosto severa e un precettore, don Pirro Porro che regolano rigidamente la sua vita. Unica alleata della piccina la governante, Sora Zucca, ed è proprio con il suo aiuto che riuscirà a costruire la sua amicizia con Cipollino.

Ispirata al romanzo di Gianni Rodari “Le Avventure di Cipollino“, la rielaborazione teatrale conduce ad un percorso di riflessione sull’integrazione e l’importanza dell’accoglienza, sulla crescita favorita dallo scambio e dall’amicizia. Uno spettacolo concepito appositamente per i bambini che parla dunque il loro linguaggio e pensa con le loro idee.

Cast e compagnia. Il Teatro Libero (Palermo) presenta CIPOLLINO. Progetto e regia di Annamaria Guzzio con Domenico Bravo e Giada Costa. Scene e costumi di Lia Chiappara e Annamaria Guzzio. Luci Fiorenza Dado e Gabriele Circo. Musiche di Antonio Guida.

Aggregazione famigliare. Anche quest’anno il Teatro Stabile di Innovazione e Ricerca Akròama porge una particolare attenzione a desideri ed esigenze dei più piccoli e dei loro familiari con una nuova stagione di spettacoli per famiglie che si articolerà da ottobre ad aprile. L’intento è quello di avvicinare il pubblico più giovane al linguaggio teatrale in modo piacevole, divertente, appassionante e coinvolgente. Porre le basi quindi per la formazione degli spettatori “di domani” che nel teatro potranno trovare stimoli e svago ma anche vere e proprie opportunità espressive e lavorative.

Il progetto promuove e facilita l’aggregazione familiare in un contesto in cui grandi e piccini condividono in modo costruttivo emozioni, creatività, riflessioni. Storie e fiabe della tradizione, personaggi e vicende dell’ immaginario collettivo dei più piccoli, negli spettacoli vengono rivisti e corretti secondo le problematiche più attuali fornendo spunti di critica e analisi.

Info:
Tel. 070.341322
Sito web