Qual è l’ultima volta che avete comprato un biglietto del treno allo sportello invece di farlo online? O un cd in un negozio di dischi? O che avete messo piede in banca? Non siete i soli. Scoprite di più all’Open Campus Cagliari.

Open Campus e Lìberos, la comunità dei lettori sardi, presentano Riccardo Staglianò e il suo libro “Al posto tuo” edito da Enaudi, l’evento si svolgerà nella località Sa Illetta, all’Open Campus Tiscali, alle ore 18:30.

La tagline del libro dice: Così web e robot ci stanno rubando il lavoro, intende che il risultato individuale diventa una maggiore convenienza immediata, quello collettivo è la fine di quei lavori. È una schizofrenia che ci riguarda tutti. Le macchine hanno sempre rimpiazzato gli uomini. Prima però lo facevano nei compiti pesanti, colpendo i colletti blu. Ora sostituiscono il lavoro dei colletti bianchi. In passato l’aumento della produttività dato dalla tecnologia si trasformava in piú ricchezza per la società: se uno perdeva il lavoro in manifattura ne trovava un altro nei servizi. Ormai le macchine corrono troppo forte e distruggono piú posti di quanti non riescano a creare. Web e robot, dunque, dopo globalizzazione e finanza, stanno uccidendo la classe media. Perché piú le macchine diventano a buon mercato, piú gli esseri umani sembrano cari in confronto. Questo libro è un viaggio in un futuro che è già arrivato, a cui stiamo pagando un prezzo cruento, ma dall’esito non inevitabile. A patto che ce ne rendiamo conto, prendendo delle radicali contromisure.

Riccardo Staglianò è nato a Viareggio nel 1968 ed è inviato de La Repubblica. Ha iniziato la sua carriera come corrispondente da New York per il mensile Reset, ha poi lavorato al Corriere della Sera e oggi scrive inchieste e reportage per il Venerdì. Per dieci anni ha insegnato Nuovi media alla Terza Università di Roma.

Nel 2001 ha vinto il Premio Ischia di Giornalismo, sezione giovani. È autore di vari libri, tra cui: “Bill Gates. Una biografia non autorizzata” (Feltrinelli, 2000), “Cattive azioni. Come analisti e banche d’affari hanno creato e fatto sparire il tesoro della new economy” (Editori Riuniti, 2002) e “L’impero dei falsi” (Laterza, 2006) sul traffico di merci contraffatte dalla Cina all’Europa. Per Chiarelettere ha pubblicato con Raffaele Oriani “I cinesi non muoiono mai” (2008), “Miss Little China”, che accompagna l’omonimo documentario di Riccardo Cremona e Vincenzo de Cecco (2009), “Grazie” (2010),” Toglietevelo dalla testa” (Chiarelettere 2012), un’inchiesta sul potere e gli interessi delle lobby dei produttori di cellulari, e sul rapporto tra uso del telefonino e tumori alla testa e “Occupy Wall Street”, il reportage dentro la protesta (Chiarelettere, 2012).

L’Evento è realizzato con il contributo della Regione Autonoma della Sardegna, l’Assessorato della pubblica istruzione, beni culturali, informazione, spettacolo e sport, Assessorato del turismo, artigianato e commercio, la Fondazione di Sardegna
e in collaborazione con Open Campus, Libreria Mieleamaro Cagliari e Sardex.net.

Quindi: giovedì 7 luglio, dalle 18:30 alle 20:00, all’Open Campus, Località Sa Illetta, Cagliari.