Ideato e condotto da Gianni Mascia, poeta e scrittore.

“Tu prova ad avere un mondo del cuore e non riesci ad esprimerlo con le parole”

Il laboratorio è rivolto a tutti coloro che amano la parola poetica e la sua drammatizzazione. Si sperimenteranno varie forme di composizione, in particolare l’acrostico visto come spartiacque tra l’essere e il divenire.

La porta d’accesso all’immaginario creativo sarà la lettura dei brani di De André; quando si raggiungerà la “temperatura” poetica, il conduttore darà il via alla composizione collettiva spontanea. Un testo scritto da più mani sembrerà magicamente scritto da una sola. Il testo collettivo ispirerà le riscritture individuali.
In fine si curerà l’interpretazione drammatica dei testi per il reading pubblico che suggellerà l’esperienza.

Il laboratorio si svolgerà in cinque incontri a cadenza settimanale, ogni martedì a partire dal 14 giugno, dalle 19.00 alle 21.00 nella sede di via Pasubio 27 Cagliari. Un sesto incontro avrà luogo per il reading finale.

Il costo è di 60 euro + 20 euro di tessera associativa.

Per informazioni ed iscrizioni scrivere a qui.eora@libero.it oppure telefonare al numero 327-0544471 (Referente: Roberta Sirigu).

Gianni Mascia.
Poeta, scrittore, traduttore e narratore teatrale e radiofonico. Insegnante elementare fino al 2001, dal 2002 insegna e promuove la scrittura poetica in sardo, italiano e spagnolo, presso scuole di ogni ordine e grado, circoli culturali, biblioteche, librerie, luoghi di detenzione, comunità, case famiglia. Ha fondato e dirige la rivista di poesia Coloris de Limbas che organizza il Festival di poesia Emilio Lussu. Ha pubblicato in poesia: Rottaglie (Le Ellissi, 1994), Variazioni su una corda d’Infinito (premio città di Leonforte 2004), A liberare luce (premio Sorrentinum 2009), Tra Leopardi e la luna-cantus de prexu e de amargura (2015), opera ispirata dalla pièce teatrale portata in scena dall’autore e dall’attore Fausto Siddi che ne ha curato la regia. E’ del 2008, per Condaghes, la pubblicazione di Jonathan Livingston Su cau, traduzione del libro cult di Richard Bach. Del 2011 Tzacca stradoni! Racconti della mala cagliaritana, edito da Condaghes, nel 2012 esce per GDS, tratto da Luis Sepùlveda, Stòria de una caixedda e de sa gatu chi dd’iat imparau a bolai, da cui l’adattamento radiofonico in quattro puntate per rai radio1 con Gianni Mascia nel ruolo del poeta, Fausto Siddi in tutti gli altri, musiche di Davide Melis. Tra i principali riconoscimenti: premio Mario Tobino 2010, premio Gramsci 2011, premio Montanaru 2012, premio alla Cultura Karol Wojtyła dell’Accademia Studi Leopardiani 2013, premi speciali della giuria al Rimbaud e al Peppino Mereu 2015. Ha fondato nel quartiere di Is Mirrionis la Scuola Popolare di poesia.

Vi aspettiamo.

Grafica: Roberta Sirigu

Faber-fr-WEB-PNG